Traffico aereo live 
Traffico navale live

Traffico satelliti live
Traffico treni live
Traffico radioamatori live
WebCam Italia
WebCam Italia-Mondo
WebCam Autofiori  -  Autostrade Italia
WebCam Genova

 


 

I RADIOAMATORI

Secondo le Convenzioni Internazionali Radioamatore è colui che, in possesso di regolari autorizzazioni (patente di operatore di stazione e autorizzazione generale), può operare una stazione radioelettrica a scopo di studio e perfezionamento individuale e senza scopo di lucro.
Nel Regolamento Internazionale delle Telecomunicazioni è definito come "Servizio di Radioamatore".
Il radioamatore é una figura diversa dal CB. La differenza sta nel fatto che il Radioamatore é uno sperimentatore e per operare come tale deve necessariamente dare prova della sua competenza al Ministero delle Comunicazioni superando un esame di elettronica.
Questo é necessario in quanto il Radioamatore sarà abilitato all'uso di apparecchiature prive di certificazione da parte di terzi. Egli stesso potrà quindi progettare, costruire o modificare i propri apparecchi rispettando le specifiche tecniche assegnate dal Ministero.

 

Bande di frequenza assegnate ai radioamatori


LF   : 
MF  : HF  :







VHF :
2200 metri (135,7 - 137,8 kHz)
160 metri (1830 – 1850 kHz)
80 metri (3500 – 3800 kHz)
40 metri (7000 – 7200 kHz)
30 metri (10 100 - 10 150 kHz)
20 metri (14 000 - 14 350 kHz)
17 metri (18 068 - 18 168 kHz)
15 metri (21 000 - 21 450 kHz)
12 metri (24 890 - 24 990 kHz)
10 metri (28 000 - 29 700 kHz)
6 metri (50,000 - 51,000 MHz)
4 metri (70,100 - 70,300 MHz fino al 19/12/14)
2 metri  (144 - 146 MHz)
UHF  :
 

SHF  :


EHF  : 
70 centimetri (430 - 434 e 435 - 438 MHz)
23/24 centimetri (1240 - 1298 MHz)
12/13  centimetri (2300 - 2450 MHz)
5 centimetri (5650 - 5850 MHz)
3 centimetri (10 300 - 10 500 MHz)
1,5 centimetri (24 000 - 24 050 MHz)
6 millimetri (47 - 47,2 GHz)
3 millimetri (75,5 - 81,5 GHz)
2 millimetri (122,5 – 141 GHz)
1,2 millimetri (241 – 250 GHz)

Visita QUESTA pagina per il Bandplan dettagliato

 




  Trasmissioni digitali

 


Oggi, nel mondo dei radioamatori in onde corte, i modi digitali rappresentano il 50% delle tecniche di comunicazione utilizzate. Le caratteristiche principali dei modi digitali utilizzati dai radioamatori sono l' occupazione minima della banda (meno di 40 Hz per un singolo segnale), buona intelligibilità anche in presenza di forte rumore e una adeguata velocità trasferimento dei messaggi.           continua.......

 




Attività radio via satellite

 



L'attività satellitare è sicuramente l'attività di punta della comunità internazionale dei radioamatori e quella dove viene evidenziata la collaborazione a livello mondiale.
Sono quasi una trentina i satelliti utilizzabili dai radioamatori in tutti i modi operativi che vanno dal CW, alla fonia, ai modi digitali.                                                                                        continua.......

 

 

SDR Software Defined Radio

Sinteticamente un ricevitore o trasmettitore SDR è una radio in cui alcune o tutte le funzioni dei circuiti elettrici sono implementate tramite software.
Apparecchiature radio tradizionali possono essere modificati solo con intervento sulla parte hardware. Questo si traduce in maggiori costi di produzione e di minima flessibilità nel supportare standard diversi..
Al contrario la radio SDR  fornisce una soluzione efficiente e relativamente poco costosa a questo problema, consentendo alla radio di essere migliorata o  perfezionata con nuove funzioni utilizzando gli aggiornamenti del software.                                                                                      continua.......

 

L' APRS, Automatic Position Reporting System, è un sistema sviluppato dai Radioamatori a partire dagli anni '90. Con APRS e' possibile visualizzare su Google Maps le icone relative a stazioni di radioamatore in movimento o fisse quali ad esempio: auto, moto, bici, ma anche ambulanze, aerei, navi, treni, stazioni meteo ecc.                                                                                                                                   continua.......

 

 

 

www.hrdlog.net